Enrico Presilla

Non solo lavoro e famiglia, ma una storia per raccontare chi sono e cosa voglio per la nostra Foligno

La mia storia

La mia storia incomincia il 6 novembre 1975: sono nato nella nostra Foligno, un luogo che ho imparato ad amare fin da subito anche grazie ai miei genitori, entrambi docenti di liceo.
Con i loro insegnamenti, e la loro educazione, sono riusciti a trasmettermi l’attaccamento per la nostra città, donandomi la voglia di conoscere fino in fondo questo luogo, facendomene scoprire pregi e difetti.

Dopo gli studi superiori, il mio percorso accademico mi ha portato alla laurea in Scienze Politiche, per poi farmi appassionare al mondo delle Amministrazioni Pubbliche e a quello del diritto del lavoro.
Terminata l’Università ho deciso di dar vita ad una cooperativa per la gestione dei beni culturali nel territorio di Foligno diventando, successivamente, responsabile dell’ufficio ricostruzione post-sisma della Diocesi della nostra città.

Oggi, a vent’anni da quel giorno, sono un ispettore del lavoro: la mia carriera professionale mi ha portato a conoscere centinaia di aziende, imprenditori e dipendenti in tutta l’Umbria, offrendomi così l’opportunità di valutare la reale situazione del lavoro nella nostra regione e comprendendo le criticità e il potenziale non ancora sviluppato.

La mia passione per i media e per il giornalismo, mi ha portato alla direzione del settimanale “Gazzetta di Foligno” per oltre undici anni. Un giornale che ho guidato con amore e professionalità, convinto del suo obiettivo di voler informare e formare una città che merita rispetto, una città che è cresciuta intorno a dei valori che chiedono di essere ricordati e rinnovati quotidinamente.

Anche il sociale è stato ed è parte integrante della mia formazione: fin da piccolo sono stato impegnato in attività di volontariato e cura del sociale, dandomi l’opportunità di costituire il Circolo Cinematografico Ordet nei primi anni duemila per poi diventare Presidente dell’Istituto San Carlo di Foligno dal 2005 al 2009.

Con Antonella ci siamo sposati nel 2006 e insieme abbiamo avuto tre figli, che vivono e crescono in questa città.
Ho ricevuto molto da Foligno e sogno una città meno divisiva e più attenta ai bisogni delle persone, soprattutto di quelle più deboli e fragili, ma anche orientata allo sviluppo e alla creazione di un benessere diffuso, perché sono convinto che siano le persone a dare forma al mondo. Costruiamola insieme!

Se vuoi saperne di più questo è il mio curriculum e questo il mio casellario giudiziale